Dal 1° Maggio ritorna in TV Remì

Non è da molto che è stato replicato, ma se non hai mai visto questa serie oppure vuoi ricordare la tua infanzia non puoi perderti le repliche di Remì, pronto a farsi conoscere anche dalle nuove generazioni! L’appuntamento è fissato per Lunedì 1° Maggio 2017, dal Lunedì al Venerdì alle ore 7.00 su Italia1 all’interno del contenitore mattutino “Latte e Cartoni”.

Remi  è un anime giapponese prodotto dalla Tokyo Movie Shinsha nel 1977, tratto dal romanzo Senza famiglia (Sans famille) dello scrittore francese Hector Malot. È stato trasmesso in Italia su Rai 1 a partire dall’ottobre 1979. La sigla era cantata da “I ragazzi di Remì” e firmata da Vince Tempera.

Nel 1999 Mediaset ne trasmise una nuova edizione dal titolo Ascolta sempre il cuore Remi con una nuova sigla composta da Franco Fasano e cantata da Cristina D’Avena con titolo omonimo e rifacendone interamente il doppiaggio. Dal 2003 la stessa Mediaset ripropone l’anime con la vecchia sigla del 1979 pur mantenendo le immagini e il titolo della nuova sigla.

Il cartone animato è stato prodotto adottando l’effetto Pulfrich, un sistema pseudo-3d visualizzabile utilizzando appositi occhiali. L’effetto era garantito anche dai particolari scorrimenti orizzontali delle immagini (tipicamente paesaggi) di cui la serie era ricca. In Italia gli speciali occhialini che permettevano la visione tridimensionale sono stati allegati ai settimanali Radiocorriere TV e TV Sorrisi e Canzoni in occasione della prima trasmissione Rai del 1979.

Comments

comments

Autore dell'articolo: CosmoChan

CosmoChan
Collezionista da più di 10 anni e amante del mondo dell'animazione è il fondatore di questo sito, che ha aperto con la speranza di far viaggiare gli utenti indietro nel tempo, ai tempi dell'infanzia, ma anche per rimanere aggiornati e creare così un punto di riferimento per tutti quelli che amano i cartoni, collezionarne i gadgets e tutto quello che ruota intorno a questo mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *