Curiosità

Pretty Cure torna in mano alla Toei Animation: Glitter Force addio?


Per chi non lo sapesse il marchio GLITTER FORCE è stato registrato nel 2013 dalla società americana SABAN (famosa per aver adattato sopratutto le serie Super Sentai trasformandole in occidente nei Power Rangers). Praticamente hanno adattato e modificato la serie Smile Pretty Cure, modificando il nome, nomi dei personaggi, dialoghi e tagli vari per poi concederla dal 18 novembre 2015 sulla piattaforma NETFLIX in tutto il mondo (italia inclusa). Questo perchè Toei Animation (creatrice di Pretty Cure) aveva ceduto i diritti per l’occidente appunto alla Saban.

Questo ha causato un blocco dei diritti anche in Italia per le serie di Pretty Cure che RAI ha trasmesso con buoni ascolti per 8 anni (Rai Due e Rai Gulp) quindi di fatto, ha impedito anche il proseguimento della saga nel nostro paese.

Ma forse le cose stano cambiando?

Il 2 maggio 2017 sembra che Saban abbia ceduto il marchio GLITTER FORCE a Toei Animation, il creatore originale del marchio Pretty Cure. Questo ha portato molti a ipotizzare che Saban Brands non abbia più alcun interesse per il franchising. Il passaggio nel marchio ora dà pieno diritto a Toei Animation per futuri adattamenti e collaborazioni di merchandising. A conferma di questo si può notare che nel sito ufficiale il logo GLITTER FORCE non ha più il mini logo “SABAN” che prima era presente.

A breve arriveranno anche una 3° e 4° serie di Glitter Force su Netfix (adattate dalla serie Doki Doki Pretty Cure) tagliando la serie da 49 episodi a soli 30. Questo perchè durante il doppiaggio e gli accordi di questa serie, era ancora in mano a Saban,ora non lo è più.

Cosa potrebbe succedere, adesso?

  • Opzione 1: Toei Animation manterrà ancora il nome GLITTER FORCE e continurà a cedere le serie a Netflix direttamente, senza la Saban di mezzo. In questo caso però sarebbe comuque “un’opera originale Netflix” in quanto Netflix impone dei limiti sul numero degli episodi
  • Opzione 2: Glitter Force non potrà essere doppiato/curato da Toei ma potrà solo ricavarne i profitti dandola a Netflix
  • Opzione 3: Toei Animation continuerà a dare le serie a Netflix ma smetterà di chiamare il prodotto Glitter Force e verrà d’ora in poi doppiato e chiamato così come è nato, ovvero PRETTY CURE.

E in Italia?

La notizia è troppo fresca e non sappiamo adesso cosa succederà in Italia, sicuramente il fatto che ora i diritti siano tornati in mano alla proprietaria Toei Animation è molto positivo, infatti RAI chiuse il contratto con Pretty Cure nel 2013 anche perchè non intendeva aprirne uno nuovo con la Saban ma voleva mantenerlo con la Toei. Ora questo sarebbe nuovamente possibile, bisogna però capire se Toei continuerà a mandarlo solo su Netflix in tutto il mondo e quindi anche in Italia oppure per alcuni stati come ad esempio il nostro che ha avuto la serie per tanti anni con il nome originale Pretty Cure possano pensare a delle clausule speciali e concederlo alle emittenti e non come esclusiva a Netflix.

Intanto se anche voi vorreste rivedere le Pretty Cure sulla RAI mettete MI PIACE alla pagina: RIVOGLIAMO LE PRETTY CURE SULLA RAI

Non appena ci saranno aggiornamenti in merito ve li comunicheremo!

Fonti: tokusatsunetwork Trademark

 

 ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE:

 

Inserisci il tuo indirizzo email e iscriviti gratuitamente alla nostra Newsletter 🙂

Comments

comments


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

:bye: 
:good: 
:negative: 
:scratch: 
:wacko: 
:yahoo: 
B-) 
:heart: 
:rose: 
:-) 
:whistle: 
:yes: 
:cry: 
:mail: 
:-( 
:unsure: 
;-)