L’incantevole Creamy: le curiosità che forse non conoscevi

L’incantevole Creamy  è un anime prodotto dallo Studio Pierrot e trasmesso in Giappone su Nippon Television da luglio 1983. In Italia, dov’è considerata una delle serie animate di maggior successo, è stato trasmesso su Italia 1 dal febbraio 1985. Vi proponiamo delle curiosità sulla maghetta più amata per mettervi alla prova: conoscete davvero tutto?




1 ) Quasi sempre quando in Giappone viene prodotto un anime è perchè c’è stato un riscontro positivo di vendite di una trasposizione nata inizialmente come manga di tale opera, cosa che però non si è attuata per Creamy, perchè è nata come idea originale dello Studio Pierrot. Il manga è stato successivamente progettato una volta già iniziato il cartone, dallo stesso autore Kazunori Itō. È stata la primissima maghetta dello studio Pierrot ed sicuramente la più famosa. 

2 ) Quasi tutti i nomi dei protagonisti rimasero gli stessi di quelli giapponesi: Yu, Toshio, Midori. Con alcune eccezioni: la rivale di Creamy, Megumi Ayase, divenne Duenote Ayase, Shingo Tachibana si trasformò in Jingle Pentagramma, Joe Snake in Joe Serpe. E poi c’erano i i Morisawa, i genitori di Yu: da Tetsuo e Natsume, divennero Filippo e Candida. Il vero cambiamento però riguarda proprio lei, Creamy. Forse molti di voi non sanno che in originale la controparte magica di Yu si chiama CREAMY MAMI, ovvero la dolce Mami. Quindi in realtà in Giappone è conosciuta come Mami, da noi modificato in Creamy. 

3 ) Sapevi che Cremy fa parte del MAJOKKO CLUB? Si tratta di un club di maghette tutte nate dallo studio Pierrot che le ha donato vita e rese popolari in tutto il mondo. La prima maghetta è proprio Creamy, si unisce poi Evelyn,  Emi ed infine anche Sandy.A proposito di Majokko club, sapevi che le 4 maghette delle studio Pierrot hanno lottato fianco a fianco in uno speciale? Il titolo del “film” è Majocco Club: Alien X – Terrore dalla dimensione A ed è stato prodotto nel 1987. In italia non è mai stato trasmesso in chiaro ma è stato all’epoca commercializzato in VHS da parte dell’azienda Yamato Video.

4 ) Sapevi che di Creamy esistono ben 4 oav (speciali)? Usciti in Giappone tra l’84 e l’86: L’incantevole Creamy – Il ritorno di CreamyCreamy Mami: Lovely SerenadeL’incantevole Creamy – Il lungo addioCreamy Mami Song Special 2: Curtain Call. I due con titolo italiano furono trasmessi per la prima volta da Mediaset nel dicembre dell’85 e nel gennaio dell’86. Di entrambi c’è una versione DVD con un nuovo doppiaggio, e le sigle e i nomi originali.

5 ) Come ben sappiamo, niente nasce per la gloria. L’anime è nato anche per cercare di promuovere e far conoscere l’idol giapponese Takako Ohta che oltre ad aver doppiato il personaggio di Yu/Creamy ha anche cantato le varie canzoni interne ma anche le sigle. Mossa che ha immediatamente reso celebre la cantante in madre patria. 




6 ) In Italia purtroppo non si credette in un progetto discografico di Creamy e purtroppo non è mai stato pubblicata una compilation dei brani interni del cartone interpretate da Cristina D’Avena a differenza di come successo per Kiss me Licia che vendette moltissimo; Cosa accaduta invece in Francia dopo qualche anno e che vendette moltissimo, ma era ormai troppo tardi per replicare la cosa anche qui da noi. Di recenti i fans hanno chiesto con una petizione la pubblicazione di un CD con le canzoni interne ma purtroppo non ha ancora trovato accoglienza.

7 ) Creamy è “servito” oltre che per promuovere l’idol giapponese Takako Ohta anche a svuotare i magazzini della società giapponese di giocattoli Bandai. Proprio così! L’aneddoto riguarda Pinopino il piccolo alieno grigio. La Bandai aveva lanciato prima di Creamy (nel 1981) una linea di giocattoli alieni che però non vendette, così hanno ben deciso di inserire il personaggio all’interno del cartone di Creamy per riuscire a vendere i pezzi rimasti sul groppone all’azienda. 

8 ) il nome del quartiere fittizio in cui vive Yu è un gioco di parole che letteralmente significa “La collina di Creamy”; infine l’ideogramma del nome della protagonista corrisponde al significato di gentilezza e, molti ambienti in cui la storia si svolge, si ispirano a luoghi che esistono realmente nell’area di Tokyo.

9 ) L’anime è composto da 52 episodi da trasmettere con cadenza settimanale in madre patria. Gli episodi intermedi furono trasmessi in Giappone seguendo il calendario: Quelli ambientati la vigilia di Natale, andarono in onda il 16 e il 23 dicembre del 1983; la serie si concluse il 29 giugno 1984, proprio lo stesso giorno dell’ultimo concerto di Creamy. 




Si ringrazia screenweek e Bunziblogger

Comments

comments

CosmoChan

CosmoChan

Collezionista di giocattoli da più di 15 anni e amante del mondo dell'animazione è il fondatore di questo sito, che ha aperto con la speranza di far viaggiare gli utenti indietro nel tempo, ai tempi dell'infanzia, ma anche per rimanere aggiornati e creare così un punto di riferimento per tutti quelli che amano i cartoni, collezionarne i gadgets e tutto quello che ruota intorno a questo mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.